Le 8 frasi killer pericolosissime per il tuo rapporto di coppia

Oggi vediamo le 8 frasi killer pericolosissime per il tuo rapporto di coppia!

Alla fine pensa quanto spesso ti capita di pronunciare o di sentire queste frasi mentre litigate o anche solo discutete qualche aspetto della vostra coppia? Spesso? Allora hai tutte le carte in regola per perdere la tua dolce metà, perché a volte è proprio “grazie” a queste frasi che una relazione va a rotoli.

Per migliorare la vostra vita di coppia dovrete eliminare queste frasi dal vostro vocabolario comune, e non immagini nemmeno quanto più facile diventerà la vostra vita insieme.

«Allora vuoi che ci lasciamo?»

Immagina questa situazione: al lavoro il tuo capo ti sgrida (giustamente o ingiustamente, ora non ha importanza) e tu gli dici «allora vuoi che mi licenzio?». Secondo te, cosa ti risponderà? E anche se non dovesse poi licenziarti, con ogni probabilità si ricorderà di questo tuo gesto in futuro… E allora perché pensi che dicendo la stessa cosa al tuo partner non riceverai una risposta affermativa? Sopratutto considerando che le persone, mediamente, sono portare a procedere nella stessa direzione in cui vengono spinte sull’emozione: «e allora lasciamoci! — va bene, come vuoi tu!».

Quindi, siccome è molto probabile che questa frase diventi l’ultima per la tua coppia, ti consiglio di non pronunciarla (almeno finché non vorrai che la tua relazione finisca davvero:)).

«Ti comporti proprio come il mio (la mia) ex»

Tutti hanno qualche «ex» alle spalle. Possiamo dire che grazie a loro, nonostante tutto, abbiamo capito che cosa ci piace in una relazione e cosa invece non siamo disposti a sopportare. Durante la vita di coppia mettiamo a nudo i nostri comportamenti “naturali”, le nostre abitudini che, soggettivamente, potrebbero anche non piacere all’altra persona.

I calzini sparsi in giro, i capelli nel lavandino, l’acqua per terra nel bagno, le infinite partite alla playstation, le serate con gli amici o le amiche fino a tardi, ecc…

Nel percorso «COPPIA FELICE» abbiamo svelato diversi metodi efficaci per spiegare al partner il proprio disagio e correggere i comportamenti irritanti (o anche le proprie reazioni). Però, intanto devi sapere che la cosa peggiore che tu possa fare è quella di confrontare il tuo partner attuale con l’ex. Sia perché facendolo dimostri di pensare ancora alla relazione precedente, sia perché dopo frasi simili la tua relazione attuale potrebbe fare la stessa fine di quella precedente, cioè concludersi.

«Fai tu, che stasera sono troppo stanco(a)»

Una volta le donne non lavoravano e potevano dedicare tutto il tempo alle faccende di casa. Sì, erano bei tempi:)

Ora la situazione è cambiata: spesso lavorano entrambi, e può succedere sia per necessità che per scelta, per autorealizzarsi. E in questo caso diventa quantomeno poco corretto pretendere che la tua dolce metà pulisca tutta la casa, lavi e stiri tutti i panni, prepari da mangiare e ti accolga col sorriso sulle labbra… Sopratutto se è tornata dal lavoro mezz’ora prima di te. Se lavorate entrambi, cercate di svolgere le faccende casalinghe quanto più in fretta potete spartendovi i compiti, oppure trovatevi una domestica (preferibilmente poco sexy, se non volete altri problemi:)).

«Sì, come no, mi hai già riparato il computer una volta»

E dopo quella volta non funzionava più una mazza:) Magari è successo tre anni fa, ma tu ogni volta che le argomentazioni finiscono, inizi a ripassare le vecchie colpe. «Ti ricordi quando ti ha scritto quella puttana? — Ma se ancora non stavamo nemmeno assieme? E comunque anche tu, ricordi quella volta che mi hai fatto fare una figura di merda? — Sì, ma solo perché facevi lo stronzo!», e così a non finire…

Non ha senso vivere nel passato. Godetevi il presente e pensate al futuro, a cosa volete costruire a quattro mani. Non lasciate che i problemi del passato vi precludano la strada verso un felice futuro insieme.

«Chissà cosa avevi da fare di così importante»

Immagina che al tuo ritorno a casa capisci che il caos sta decisamente prevalendo sull’ordine e pulizia, seppure la tua dolce metà sia tornata molto prima di te oppure non sia nemmeno uscita. Allora istintivamente le rinfacci la situazione e ti becchi una risposta tipo «allora pulisci tu la prossima volta». E in quel momento, mentre stai per lanciare qualche accusa di troppo, pensa: forse invece di biasimare l’altra persona dovresti guardarti allo specchio?

Ricorda che possiamo giudicare gli altri solo se noi stessi siamo senza peccato e non facciamo mai qualcosa che potrebbe irritare l’altra persona. Inoltre, quando è stata l’ultima volta che hai portato fuori il sacco dell’immondizia? Quanto spesso lasci il letto disordinato? Quanto spesso lavi il pavimento (non uso il verbo «scopare» che può essere frainteso:)) o cucini tu?

Le accuse, così come i rimproveri, fanno solo arrabbiare e creano l’effetto opposto a quello che vorresti ottenere. Mostra con il tuo esempio personale che cosa ti aspetti dalla tua dolce metà.

«Vabbè»

Detta dopo un sesso non particolarmente brillante, questa parola breve e pungente può diventare per il tuo partner la causa di seri complessi di inferiorità e di problemi altrettanto seri nella vostra relazione. Ti aspettavi una fiamma di passione e invece hai visto solo un paio di scintille? Non ha senso rimproverare il partner per un piccolo insuccesso. Poteva essere stanco, non sentirsi troppo bene o, al contrario, troppo eccitato. Che tu ci creda o no, ma prima o poi capita a TUTTI.

Ricorda che la sessualità è un argomento talmente sensibile che a volte persino il sarcasmo o le battute più innocenti diventano fuori luogo. Tuttavia, se le tue esigenze sessuali dovessero rivelarsi troppo diverse da quelle del tuo partner, ricorda che potreste semplicemente non essere compatibili. Potete anche lasciarvi del tutto, ma non infierire mai sui difetti dell’altro nell’area sessuale.

«Una volta ti andava bene tutto»

All’inizio della vostra relazione nulla potrà infastidirvi, né il fatto che lui lasci alzata la tavoletta del water, né il fatto che lei abbia una risata troppo forte per i luoghi pubblici.

Questi «dettagli» vi sembreranno del tutto insignificanti rispetto all’incredibile sentimento d’amore reciproco appena nato. Peccato che col passare del tempo quei dettagli tanto simpatici dei vostri caratteri inizieranno a sembrarvi sempre più insopportabili.

Ed ecco che alla richiesta di abbassare la tavoletta, il ragazzo logicamente replica dicendo «ma se prima andava bene anche così?!». Mentre la ragazza pensa che l’invito a «ridere un po’ più piano» sia l’inizio della fine, e che l’amore da parte del ragazzo si sia già esaurito («non mi ami più!!!»).

In realtà è tutto molto più semplice.

Col tempo l’innamoramento inevitabilmente svanisce, lasciando spazio all’amore (si spera!:)), questo vale per tutte le coppie. E quando il livello di endorfine si abbassa, le farfalle volano via dallo stomaco e veniamo privati anche degli occhiali rosa, allora iniziamo a constatare anche ciò che prima non vedevamo o non ci andava di vedere.

Oltre a questo, ognuno di noi cresce, matura, si sviluppa, diventa più intelligente e cambia le abitudini. Ciò che a vent’anni sembrava normale, a 30 può sembrare inaccettabile. Pronunciando la frase «prima ti piacevo così» farai capire al partner che non hai alcuna intenzione di crescere, di svilupparti e di cambiare in generale. E alla fine della storia potrai trovarti nella situazione in cui l’altra persona sarà cambiata al punto da non essere più compatibile con te (valori, esperienze, credenze, aspirazioni, ecc…).

«No comment»

La peggior cosa che tu possa dire al tuo partner è non dire nulla. Qualsiasi tipo di relazione è anzitutto «comunicazione». Magari pure accesa e inefficace, ma presente. Reagendo alle domande e alle accuse del partner, dimostri di essere partecipe e che per te è importante ciò che ha da dirti. Mentre rimanendo in silenzio dimostrerai di avere un atteggiamento arrogante nei suoi confronti.

In molte coppie succede che l’arringa di uno venga seguita da un tagliente «sissì, già», «sì, hai ragione tu, va bene» o da qualcosa di meno comprensibile tipo «aha».

Ogni volta che troncherete una discussione in questa maniera, di fatto ucciderete una parte dell’intimità nella vostra relazione. Perché il dialogo e la comunicazione sono la parte fondamentale per creare e sviluppare una coppia sana, felice e duratura.

Per far sì che una coppia sia sostenibile ed equilibrata, bisogna parlarsi. Però in modo intelligente! Evita le frasi che abbiamo visto in questo articolo e sicuramente la tua dolce metà si sentirà molto più a suo agio al tuo fianco (o tu al suo:)).

>> P.S. Con questi 2 video gratuiti puoi scoprire come creare la tua «polizza» contro il tradimento;)

About Anton Rosanov 95 Articoli
Nato a Mosca, in Russia. Cresciuto tra l'oriente e l'occidente. Imprenditore dall'età di 17 anni. È coach e consulente nel campo della vita sia personale (seduzione e relazioni di coppia), sia professionale (sistemi di business postindustriale). Fondatore di ONLYONE (www.onlyoneitalia.com) e ItalianSeduction.club (community numero 1 in Italia su seduzione e lifestyle); autore del primo percorso sull'autodisciplina in Italia (www.motivazione.guru).